il Cittadino di Messina - quotidiano e settimanale on-line: l'informazione gratuita e onesta

Nota di un nostro elettore

L´affermarsi di comportamenti bizzarri

Stampa
Il nostro Paese, quanto a soggetti dal comportamento bizzarro pare sia messo abbastanza bene. Ne voglio enumerare solo alcuni per non annoiare più del dovuto i lettori. Ad esempio pensando al mondo della cultura mi viene in mente Mauro Corona, uomo simpaticissimo, scrittore e scultore ligneo, il cui modo stravagante e in qualche occasione provocatorio di porsi, in una con l’abbigliamento da montanaro, renda meno monotono e pesante il talk/show di RAI 3 CARTABIACA condotto appunto da Bianca Berlinguer. E’ un figlio di buona donna che trova sempre occasione di battibeccare ironicamente con la conduttrice provocando le “urla” pro e contro dei “social”. Insomma, un soggetto bizzarro che pur godendo di una condizione socioeconomica di tutto rispetto, preferisce vivere e lavorare in una baita situata “nto pizzu i muntagna” (371 ab. 800 m s.l.m) in provincia di Pordenone, piuttosto che in un appartamento al quartiere Parioli di Roma. Nel mondo della musica leggera visto che è l’epoca dei Rapper ne prendo uno di quelli che vanno per la maggiore: Federico Leonardo Lucia, al secolo FEDEZ. Fisico coperto da tatuaggi bizzarri, come la musica(?) che sbraita, rappresentata da uno scombinato misto di tamburi rullanti che lo accompagnano e frasi in libertà somiglianti a litanie che raramente raggiungono il livello di poesia. Musica(?) “bizzarra” e soggetto dagli atteggiamenti discutibili. Lui ovviamente fa quello che gli viene più comodo, scegliendo gesti e parole con furba attenzione come farebbe chiunque con la mente appena sana. Che poi abbia una schiera di “aficionados” è cosa che appartiene al costume corrente. Quanto a bizzarrie non si può negare un premio al nostro corregionale Fabrizio Corona. Mamma mia quanti casini ha combinato. Una serie di cazzate pagate - a mio modesto parere oltre misura –a causa degli atteggiamenti irriguardosi e di sfida assunti in occasione di alcuni processi. Un simpatico estroverso soggetto, che ha acquisito fama nel mondo del gossip e che forse molti dei guai cui è rimasto vittima se li è andati a cercare. Nel mondo del calcio mi viene in mente il nostro Balotelli. Abbigliamento strampalato quanto i tagli dei capelli, in una con le figuracce inanellate nelle varie città in cui ha giocato, hanno inciso sulla sua fama più di quanto non lo abbiano fatto le virtù calcistiche. Ecco qualche “balotellata” passata alla storia. I fuochi d’artificio sparati all’interno dell’abitazione a Manchester, e la pista di Quad (1) realizzata nel giardino. E ancora. Il “perché io posso” in risposta al Poliziotto che, fermatolo per un controllo ha notato un mare di banconote da mille euro (30000) sparsi sul sedile dell’auto. Ultima da incorniciare, quella del 9 Maggio dell’anno scorso, quando a Napoli Mergellina ha indotto un soggetto in stato di bisogno a buttarsi in mare con lo scooter per “premiarlo” con duemila euro. Un insulto alla povertà. E come non menzionare il nostro “strabizzarro” Prof. Vittorio Sgarbi, che nel talk show, anche quelli da quattro soldi trova sempre modo e maniera di fare schizzare gli ascolti. Ma al di là degli episodi, quello che piace del personaggio è la istintività dei suoi comportamenti esplosivi. Lui è proprio fatto così, se lo contraddicono diventa una bestia, come è successo la settimana scorsa a “STESERA ITALIA” quando ha avuto uno scambio violentissimo di insulti, con finale vicino a sedie in testa con Giampiero Mughini, noto scrittore la cui prosopopea traspare da ogni suo atteggiamento o espressione oltre che dagli strani abiti che indossa, il tutto riconducibile alla famosa espressione de “Il marchese del Grillo”: Io sono Giampiero Mughini e voi non siete un c….. – Un tipo bizzarro anche lui insomma. E ora, “dulcis in fundo”, voglio dire quattro cosine sul soggetto che secondo me quanto a bizzarrie non ha rivali. Mi riferisco a Lapo Elkann. Trattasi sicuramente di uno strano personaggio, nipote del grande Gianni Agnelli, molto ricercato dai settimanali di gossip ma secondo me un semplice bravo ragazzo e non “una mente” come tanti suoi fans si affannano a sostenere. Certo, chiamarsi Lapo Elkann e avere alle spalle la famiglia più potente d’Italia lo espone più di altri a commenti e critiche quando incorre in episodi di debolezza, errori o scivoloni. I suoi cultori lo assolvono perché – dicono – è uno fatto così, imprevedibile ed estroso! Boh? Sì, è vero, qualche picco di estrosità a volte fa capolino nelle sue estemporanee esibizioni, ma sono convinto i più ritengano le sue bizzarrie abbiano alla base più che la genialità, la certezza del conto in Banca che non scala mai. Quanto a figuracce e “congiuntivi pestati a sangue” bastano quelle realizzate nel corso di interviste mandate in onda da “Striscia la notizia” e “Le iene” (le figure che Il grande Emilio Fede avrebbe definito “di m…..”). Una serie di combinati disposti di errori grammaticali e sintassi del tipo: ”I giocatori mettino i co…ni sul tavolo”. Oppure: “Stiino facendo. O ancora: lo “faccino”, oppure: “abbi fatto”. Per non parlare del famoso viaggio di “conoscenza e lavoro” a New York e relativa “nottata brava” che agli Agnelli è costata diecimila dollari. Marginalmente fanno specie anche le esibizioni di looks improbabili e calzature bicolori nel senso una rossa e una nera, oppure la figuraccia rimediata quando a Milano nella centrale Via S. Gottardo, parcheggiò il Suv “maculato”sulla linea tranviaria bloccando per 40 minuti il traffico, scatenando l’ira dei viaggiatori che appena lo videro tornare ne tentarono il linciaggio. Qualcuno esperto lo ha definito “La pecora nera degli Agnelli”. Per amore di verità va anche detto che risulta si sia laureato a Londra e che parli quattro lingue. C’è solo da sperare che non “le insulti” come fa con l’italiano. Insomma, nonno Gianni era molto affezionato a questo ragazzo e lui, visti i fatti documentati dalla cronaca, io credo non lo abbia ripagato in modo adeguato. “Altro dirvi non vo’.” 
 (1) QUAD. Quadriciclo per affrontare percorsi tortuosi e accidentati realizzati all’esterno dell’abitazione.
domenica 4 agosto 2019

Antonino Marino – (cittadino di Messina)

    Vai a pagina
    segui il meteo