il Cittadino di Messina - quotidiano e settimanale on-line: l'informazione gratuita ovunque tu sia.

Taobuk Award a Ian McEwan, Jhumpa Lahiri, Simone Cristicchi, Nina Zilli, Massimo Ghini, Nancy Brilli, Fabrizio Ferracane

Le mille sfaccettature del Desiderio a Taobuk

Stampa
Nella suggestiva cornice del Teatro Antico di Taormina si è svolta la cerimonia di gala della nona edizione del Festival Taobuk con la consegna degli Award, riconoscimenti assegnati ogni anno a personalità di altissimo profilo del mondo letterario, artistico e civile. 
Un percorso tra arte, letteratura e musica che ha accompagnato gli spettatori lungo la magia del “Desiderio”, tema centrale di quest’edizione condotta dal giornalista del Tg1 Alessio Zucchini e da Antonella Ferrara, ideatrice direttrice, in partnership con la Rai. La serata, infatti, andrà in onda su Rai 3, sabato 13 luglio, in seconda serata. 
L’orchestra del Teatro Massimo Bellini di Catania, diretta dal maestro Valter Sivilotti, e il mezzo soprano georgiano Nino Surguladze aprono le danze. Il primo a ricevere il Taobuk Award è l’attore Massimo Ghini che ha interpretato “Ogni maledetta domenica”, uno dei discorsi più motivazionali del cinema che più volte ha trasmesso ai suoi 4 figli. 
Prosegue Ian McEwan, tra i più grandi autori britannici, che mette in evidenza così come nella sua narrazione che ogni ostacolo è alimento del desiderio. A lui il Taobuk Award for Literary Excellence. 
Spazio alla musica con la voce soul di Nina Zilli con “50 mila lacrime” e “Sola”. Nei panni anche di autrice con il libro “Dream City”, una città ideale nei cui luoghi avvengono scoperte incredibili, dal ritrovamento dei calzini perduti nella lavatrice alla possibilità di sentire tutti i cuori battere all’unisono, Zilli riceve il Taobuk Award. 
Award for Literary Excellence anche al premio Pulitzer Jhumpa Lahiri, scrittrice statunitense di origine indiana, che racconta la sua vita, le sue scelte, la difficoltà della sua identità mista e dal suo desiderio di scrivere in italiano come il suo romanzo “Dove mi trovo”. 
Intensa l’interpretazione di Fabrizio Ferracane dall’Ulisse di Dante, con un applauso che vuole emulare quello di 13 minuti ricevuto a Cannes con il film di Marco Bellocchio, “Il Traditore”, seguito dalla consegna del Taobuk Award. Profonda anche l’interpretazione di Nancy Brilli con il brano tratto dal “Libro dell’inquietudine” di Pessoa. 
Un riconoscimento alla carriera particolare a Marella Ferrera, stilista profondamente legata a Taormina, luogo in cui iniziò a lavorare da bambina quando il padre aprì una sartoria. 
Ed infine ad incantare il pubblico la profondità di Simone Cristicchi, con il suo desiderio di tornare alle priorità e togliere il superfluo. Un viaggio tra le sue più belle canzoni partendo da cinque parole: saggezza, vita, amore, tenerezza, indifferenza. Si chiude con“Ti regalerò una rosa”ed è tripudio di applausi. 
domenica 23 giugno 2019

Cristina D'Arrigo

    Vai a pagina
    segui il meteo