il Cittadino di Messina - quotidiano e settimanale on-line: l'informazione gratuita ovunque tu sia.

“La poesia è rivelazione di un sentimento”. Incontro al “Bistingo Club”

Stampa
E’ stato bello rivivere, in una serata, il bel periodo del grande poeta Salvatore Quasimodo a Messina. Grazie alla bravura espositiva della docente universitaria Lucietta Di Paola è stato possibile ricordare il periodo intensamente vissuto da Salvatore Quasimodo a Messina. L’incontro è stato ben preparato e organizzato al Bistingo Club dall’Associazione Sadac. E’ stato infatti anche possibile, a fine serata, rivivere la forza e l’intensità emotiva delle poesie di Salvatore Quasimodo. A leggere le poesie è stata la Prof. Tina Mazzullo. Salvatore Quasimodo è stato uno dei più grandi poeti del Novecento. Insignito di diversi premi e riconoscimenti tra i quali il Nobel, ha avuto anche conferita la Laurea in Lettere honoris causa dall’Università di Messina e dall’Ateneo di Oxford. “L’esperienza di traduttore – ha precisato Lucietta Di Paola - cominciata nel 1939 e gli orrori della seconda guerra mondiale hanno caratterizzato il passaggio di Quasimodo dalla “poetica della parola” alla “poetica della vita” (Come ad esempio tutto cio’ traspare nelle poesie: Alle fronde dei salici e Uomo del mio tempo). Nel suo percorso poetico sono stati determinanti gli anni messinesi trascorsi insieme al “Gruppo del Tecnico” costituito da Giorgio la Pira, Salvatore Pugliatti, Giuseppe Ranieri e Glauco Natoli, l’allegra brigata di “Vento a Tindari”. Con questi amici, soprattutto La Pira e Pugliatti, quest’ultimo suo primo critico, con la città di Messina rappresentata dall’OSPE e dall’ annessa Accademia della Scocca, di cui era socio, il rapporto non è stato mai interrotto, suffragato dalla sua costante partecipazione alla giuria del Premio Vann’antò”. Relatrice della serata è stata la prof. Lucietta Di Paola Lo Castro che, al termine dell’incontro, ha dedicato un minuto di silenzio ad una brava e preparata studentessa tragicamente e immaturamente scomparsa.
“La poesia è la rivelazione di un sentimento che il poeta crede che sia personale e interiore, che il lettore riconosce come proprio”. 
L'Eucalyptus di Salvatore Quasimodo
Non una dolcezza mi matura,
e fu di pena deriva
ad ogni giorno
il tempo che rinnova
a fiato d'aspre resine.

In me un albero oscilla
da assonnata riva,
alata aria
amare fronde esala.

M'accori, dolente rinverdire,
odore dell'infanzia
che grama gioia accolse,
inferma già per un segreto amore
di narrarsi all'acque.

Isola mattutina:
riaffiora a mezza luce
la volpe d'oro
uccisa a una sorgiva.

sabato 13 aprile 2019

Dario Buonfiglio

    Vai a pagina
    segui il meteo
    lun 22
    21°-12°
    mar 23
    23°-11°
    mer 24
    22°-12°
    gio 25
    22°-12°
    ven 26
    24°-13°
    sab 27
    22°-15°