il Cittadino di Messina - quotidiano e settimanale on-line: l'informazione gratuita ovunque tu sia.

L’evento, giunto alla III edizione, patrocinato dal Comune di Roccalumera, in onore dello scienziato John Allan Hobson

All’Antica Filanda di Roccalumera la giornata di studi sul Mistero del Sogno e della Coscienza

Stampa
Partecipatissima all’Antica Filanda di Roccalumera la giornata di studi sul Mistero del Sogno e della Coscienza
L’evento, giunto alla III edizione, patrocinato dal Comune di Roccalumera, in onore dello scienziato John Allan Hobson, Professore Emerito di Psichiatria presso L'HARVARD MEDICAL SCHOOL DI BOSTON, USA, è stato promosso da "Archetipi e Territorio" Osservatorio di Antropologia Evoluzionistica e Cognitiva, presieduto dal dott. Giuseppe Mento Neurologo in collaborazione col dott. Giuseppe Turiano, col Centauro Onlus e con la partecipazione dell' Archeoclub area jonica Messina4. La cerimonia inaugurale presentata dall' avv. Silvana Paratore, ha registrato la presenza di insigni relatori, psichiatri, neurologi, umanisti e architetti. Dopo i saluti del Sindaco di Roccalumera dott. Gaetano Argiroffi, ha preso la parola il dott. Giuseppe Mento ideatore delle giornate di studio in onore del professor Hobson che ha illustrato il tema centrale della III giornata "Realta' Immaginario Sonno Sogno: un fiume di immagini, parole e storie archetipi della coscienza", sostenendo come ogni notte quando sogniamo il cervello riconfigura i propri circuiti neurali riprocessando le informazioni attraverso un operazione combinata, una sorta di scavo archeologico della Mente e la ricerca creativa di nuovi modelli cognitivi di senso su base probabilistica. 
Ricordato il noto psichiatra prof. Federico Fischetti recentemente scomparso e colonna portante degli eventi di Mandanici e di Roccalumera. A seguire i saluti dell'avv. Filippo Brianni Presidente dell'Archeoclub. Il primo Relatore il dott. Matteo Allone ha relazionato sul tema Sogno o son desto soffermandosi sulla circostanza che l'unico modo per affrontare la realtà è sognare. Il sogno ha aggiunto Allone non va confinato alla notte ma anche all'esistenza diurna. Interessante il contributo del docente di latino e greco all'istituto Maurolico prof. Daniele Makris che ha approfondito le note oniriche nella Roma Antica ed in Grecia. La sessione pomeridiana si è aperta con l'intervento del professore Sebastiano Mangiameli, Docente di Arte e Teologia presso lo Studio San Paolo della Pontificia Facoltà Teologica di Sicilia che si è soffermato sulla relazione che intercorre fra i contenuti tematici nel sogno e i contenuti tematici nella realtà. In particolare, l’attenzione è stata rivolta alla possibilità di cambiamento di tali contenuti. Ovvero, i contenuti tematici presenti nel sogno cambiano col cambiare dei contenuti tematici presenti nella realtà. Un viaggio, ha aggiunto Mangiameli, che non tralascia comunque una preoccupazione: quella di salvare un patrimonio atavico di immaginario simbolico, da derive virtuali e commerciali diffuse nell’oggi, in attesa di altre e nuove realtà oniriche, conseguenti agli infiniti mondi possibili del virtuale. Insomma ha concluso, una ampia esemplificazione della vitalità mutante dei contenuti nell’universo onirico, conseguenti ai cambiamenti dei contenuti nelle realtà della storia dell’Uomo. Attenzione ha suscitato l'intervento del dott. Giuseppe Turiano, endocrinologo, che si è soffermato sulla regolazione ormonale dei ritmi sonno-veglia con alcuni aspetti fisiopatologici riguardanti le nuove mode giovanili legate alla connessione costante agli apparati telefonici ed al computer. Lo psichiatra Roberto Motta ha introdotto l' architetto Ketty Tamà socia dell'Archeoclub area jonica Messina4, che ha relazionato sul tema "un sogno di luce, verbo e architettura" soffermandosi sul simbolismo della luce sulle architetture sacre legato ai cambiamenti stagionali e su un importante progetto di digitalizzazione di importanti manoscritti. Sul dialogo tra le diverse componenti del pensiero junghiano ((archetipica, evolutiva e relazionale) che trova nel sogno, il luogo di sintesi dove fenomenicamente è possibile rintracciare l’unità del pensiero junghiano nelle sue diverse molteplicita' ha parlato lo psicoterapeuta prof. Ferdinando Testa. Il sogno ha detto, si pone come l’universo ri-trovato, in cui confluiscono, come in un crocevia, le diramazione specifiche di ogni individualità lungo l’asse Io/Sé. Il sogno diventa luogo della relazione intrapsichica del paziente col mondo nelle sue parti e termometro della relazione transferale e controtransferale. Allora l’elemento archetipico e luminoso afferra la Psiche del paziente e impone al terapeuta di andare a rintracciare i nodi archetipici insiti come sottofondo in ogni storia personale. Il sogno attiva, attraverso la stimolazione della memoria del paziente, il terreno su cui è possibile comprendere da un’altra prospettiva, quella del Sé, i sintomi, i complessi, le fantasie e le immagini germogliate nell’infanzia e riattualizzate nell’età adulta. Applaudita la lectio magistralis del prof. John Allan Hobson già cittadino Onorario di Roccalumera geniale studioso di neuroscienze che ha relazionato su Sognare anima e corpo evidenziando come Mente e cervello si muovano in una dimensione biologica unitaria. 
Le opere d'arte di Gianfranco Sessa e Maria Gabriella Raffa hanno arricchito con colori e forme gli accoglienti spazi dell' Antica Filanda.
lunedì 18 marzo 2019


    Vai a pagina
    segui il meteo
    lun 22
    21°-12°
    mar 23
    23°-11°
    mer 24
    22°-12°
    gio 25
    22°-12°
    ven 26
    24°-13°
    sab 27
    22°-15°