il Cittadino di Messina - quotidiano e settimanale on-line: l'informazione gratuita ovunque tu sia.

Accademia Filarmonica e Associazione “V. Bellini” presentano la stagione concertistica 2018/19

Un cartellone ricco di eventi per “fuggire” dalla realtà

Stampa
La nostra cara quanto martoriata città di Messina si trova, ancora una volta, a vivere momenti concitati, attimi di grande tensione. E mentre a Palazzo Zanca si lotta contro il tempo per l’approvazione del “Salva Messina”, arma anti-dissesto, c’è chi, come è giusto che sia, si impegna perché la città non muoia anche culturalmente. Tra questi instancabili promotori di cultura non possiamo non annoverare le associazioni musicali che operano nel nostro territorio come la Filarmonica Laudamo, l’Accademia Filarmonica di Messina e l’Associazione Musicale “V. Bellini”. Questi ultimi due enti hanno scelto di unire le proprie forze anche per l’anno 2018/19 offrendo ai cittadini un ricchissimo e variegato cartellone musicale, i cui appuntamenti possono aiutare a “fuggire” per un po’ dalle preoccupazioni del quotidiano. 
Trentotto, nello specifico, gli spettacoli della prossima stagione concertistica, caratterizzata dalla presenza di grandi nomi e da una grande varietà di generi musicali. Si passa, infatti, dalla classica alla contemporanea, passando per le sonorità etniche, il jazz e la danza. Momenti differenti che allevieranno, come sottolineato oggi in conferenza stampa al Salone delle bandiere, dall’Assessore allo spettacolo e allo sport, Giuseppe Scattareggia, il clima difficile che si respira, ultimamente, in città. Un’operazione di “rinascita”, senza dubbio, non facile ma che la Bellini e l’Accademia Filarmonica sono pronti ad affrontare. L’Accademia, poi, non è nuova a questa mission poichè nel corso della sua lunga storia ripercorsa oggi brevemente dal Vice presidente Antonio Rizzo, si è sempre battuta, anche in momenti di grande difficoltà, per la salvaguardia di luoghi di grande cultura. Ha alle spalle, dunque, un’eredità imponente che diviene base per costruire un futuro altrettanto importante. 
Un futuro rappresentato, hic et nunc, da quello che il direttore artistico dell’Accademia Filarmonica, Grazia Maria Spuria, il Presidente dell’Associazione Musicale “V. Bellini”, Giuseppe Ramires e il vice direttore artistico, Antonio Ramires, hanno definito uno dei migliori cartelloni proposti dai due enti negli ultimi anni. Ad aprire la Kermesse sarà, il prossimo 20 Ottobre, Roberto Cappello, uno dei più rinomati interpreti del concertismo contemporaneo, che eseguirà un avvincente programma dal titolo “Il Pianoforte sinfonico”. Questo è solo l’inizio di una stagione impreziosita, senza dubbio, dalla presenza di grandi nomi come quello della pianista Valentina Lisitsa che sarà a Messina il 10 Novembre e di Uto Ughi che ritornerà nella nostra città, dopo circa quattro anni, il 7 Dicembre per presentare il suo nuovo album “Note d’Europa”. E tra i grandi nomi della stagione 2018/19 non si possono non annoverare i Neri per caso, che il 16 Dicembre presenteranno “Natale per caso”, un programma di musica natalizia che vedrà la partecipazione del Coro di voci bianche e giovanili “Note colorate”, e ancora Peppe Servillo che, insieme al Solis String Quartet, presenterà il 24 Novembre il suo ultimo album “Presentimento”, un omaggio alla canzone napoletana d’autore. 
Nomi di grande rilievo a cui si affiancano progetti multidisciplinari come quello di “Bustric e il piccolo Principe” che si terrà al Palacultura il 1 Dicembre e vedrà la partecipazione dell’attore Sergio Bini e degli artisti Paola Biondi e Debora Brunialti
Tanti, inoltre, i progetti e gli spettacoli promossi, all’interno del cartellone, dall’Associazione Musicale “V. Bellini”. Quest’ultima ha scelto di dare rilievo quest’anno a talenti affermati come il Trio Tchailkovsky ma anche come è giusto che sia, a giovani “forze” come Federico Colli che si esibirà al pianoforte il 17 Novembre in musiche di Scarlatti, Beethoven e Mussorgsky e come le gemelle Eleonora e Beatrice Dallagnese che saranno a Messina il 23 Novembre. Spazio anche per nuovi progetti come il musical-Opera rock “Juda’s death” di Paride Acacia, Sarah Lanza e Cristian Gravina in scena al Palacultura il 25 Gennaio e “The heart of stone”, sabato 11 Maggio, con Gloria Campaner, pianista d’eccezione oltre che direttore artistico della Bellini, e Leszek Mozdzer. Continuano, inoltre, anche per la prossima stagione alcune collaborazioni come quella con il Conservatorio Corelli, il cui Ensemble si esibirà alla Sala Sinopoli Giovedì 28 Marzo
Questi sono solo alcuni dei tantissimi appuntamenti della prossima stagione concertistica targata Accademia Filarmonica-Bellini. Una stagione che, come ha precisato il Presidente della “V.Bellini”, Giuseppe Ramires, porta la firma di due donne, Grazia Maria Spuria e Gloria Campaner, che da direttori artistici si sono occupati della realizzazione di un cartellone che è frutto della fantasia e della sensibilità femminile. Un cartellone che testimonia, in maniera concreta, l’impegno che le due associazioni profondono nel territorio. Un impegno volto a salvaguardare e a difendere la cultura e nello specifico la musica in una realtà che inseguendo l’utile e il profitto dimentica, spesso, il piacere di ascoltare un brano, delle note semplici che possono condurre, però, in una realtà altra, in un mondo parallelo ma lontano dalle costanti preoccupazioni del quotidiano.


sabato 13 ottobre 2018

Alessia Vanaria

    Vai a pagina
    segui il meteo
    sab 17
    22°-15°