il Cittadino di Messina - quotidiano e settimanale on-line: l'informazione gratuita ovunque tu sia.

Presentata alla Sala Sinopoli la 98̊ stagione della Filarmonica Laudamo

La musica contro l’impoverimento dei sentimenti

Stampa
La musica come strumento, come arma benefica contro l’impoverimento dei sentimenti. Questa la mission ideale della Filarmonica Laudamo per la nuova stagione concertistica presentata oggi in conferenza stampa presso la Sala Sinopoli del Teatro Vittorio Emanuele. Un intento che nasce, come sottolineato dal direttore artistico Luciano Troja, da una lunga esperienza conoscitiva di un’arte così complessa come quella della musica. Un’arte che ha il potere di unire attraverso il suono anime differenti, guidandole in una condivisione di sentimenti che trasporta l’individuo in un mondo altro, di livello di gran lunga superiore a quello quotidiano. 
Un potere che conosceva molto bene l’ex Presidente della Filarmonica Laudamo, Manlio Nicosia, scomparso lo scorso inverno, e che conoscono altrettanto bene l’attuale presidente Domenico Dominici e il direttore artistico Luciano Troja. Quest’ultimo, in perfetta continuità con l’ormai quasi centenaria attività della Filarmonica, ha ideato una stagione di grande livello artistico, una stagione che ha scelto di dedicare a Manlio Nicosia, che ha profuso sempre grandi energie per la promozione della musica nel territorio.  
Una stagione che sarà ricca di laboratori, masterclass e concerti organizzati in collaborazione con grandi artisti, con enti, istituzioni musicali e culturali internazionali. Il sipario si alzerà domenica 14 Ottobre alle ore 18:00, al Palacultura, con il concerto di Alexander Lonquich, uno dei più importanti pianisti della nostra epoca. Un’eccellenza della musica a cui succederanno, nel prosieguo della Kermesse, vere icone del jazz come Richie Beirach che presenterà il 4 Novembre al Palacultura, in esclusiva italiana, il suo “The New Richie Beirach Quartet”. Ci sarà spazio anche per le nostre eccellenze, per i giovani grandi pianisti italiani. E' il caso, ad esempio, di Orazio Sciortino che sarà impegnato l’11 Novembre in Correspondances, uno speciale omaggio a Claude Debussy; di Filippo Gorini che sarà a Messina per la Filarmonica il 27 Gennaio, e di Alessandro Marangoni. Quest’ultimo, più volte in copertina delle massime riviste italiane, presenterà al Palacultura, il 17 Febbraio, un inedito dialogo romantico fra Rossini e Chopin. A questo ampio gruppo di talenti si unisce il celebre violoncellista siciliano Giovanni Sollima, che il 18 Novembre metterà in scena “Ba-Rock 2.0”, uno spettacolare programma che andrà da Bach ai Beatles, da Nirvana a Jimi Hendrix, toccando l’opera di tanti altri artisti. 
Non mancheranno concerti al femminile, come quello del Duo Gazzana, formato dalle sorelle Natascia e Raffaella Gazzana, in programma il 10 Febbraio o ancora quello del 3 Marzo della soprano americana Helene Zindarsian con l’apprezzatissima pianista messinese Stefania La Manna. Non mancheranno, inoltre, appuntamenti nati grazie alla sinergia, istaurata ormai da diversi anni, con il Conservatorio Corelli. La 98̊ stagione della Filarmonica Laudamo vedrà, a tal proposito, la partecipazione, il 24 Febbraio, di Michele Campanella e dell’Orchestra Sinfonica del Conservatorio Corelli, che sarà impegnata anche il 12 Maggio con Lorenzo della Fonte e con un ospite d’eccezione, quale Eugene Migliaro Corporon, nell’attualissimo progetto “La musica dell’Oceano. Quando gli emigranti eravamo noi: compositori di origine italiana in America”. Non mancherà la presenza, chiaramente, della Filarmonica Laudamo Creative Orchestra, protagonista al fianco di Karl Berger, fondatore del leggendario Creative Music Studio di Woodstock, di un evento speciale che si terrà al Palacultura il 24 Marzo
Ad impreziosire, ulteriormente la stagione programmi di grande rarità come quello che verrà presentato il 25 Novembre da Giuseppe Corpina e l’Orchestra Sinfonietta Messina e ancora quello del Coro Polifonico “Luca Marenzio” e dell’Ensemble di strumenti antichi “Orpheus” impegnati il 6 Gennaio in “Il diluvio universale”
Alla tradizione si affiancheranno, anche quest’anno, i concerti della rassegna Accordiacorde che si terranno il giovedì alle ore 19:00 presso la Sala Laudamo o la Sala Sinopoli del Teatro Vittorio Emanuele. Tra questi numerosissimi appuntamenti dedicati al jazz ricordiamo quello del 6 Dicembre con i tre contrabassisti Giuseppe Guarrella, Alessandro Nobile e Giovanni Arena, quello del 28 Febbraio con il Pannonica Jazz Workshop che presenterà un omaggio a Leonard Bernstein e quello del 14 Marzo con due nostri grandi pianisti Melo Mafali e Giuseppe Guerrera
 Questi sono solo alcuni dei grandi eventi che la Filarmonica Laudamo offrirà al suo pubblico per la 98̊ stagione. La musica, la grande musica farà sempre da protagonista lungo un percorso, che condurrà ciascuno di noi ad una riscoperta di sé. Metterà in gioco sentimenti ed emozioni, in un momento storico-culturale in cui tutto sembra da riscrivere, in cui sembrano essersi persi l’importanza e il valore di ogni sentimento. La stagione della Filarmonica propone un ritorno all’essenza reale della musica in una fase in cui la nostra sensibilità sembra aver bisogno di una nuova alfabetizzazione.


sabato 29 settembre 2018

Alessia Vanaria

    Vai a pagina
    segui il meteo