il Cittadino di Messina - quotidiano e settimanale on-line: l'informazione gratuita ovunque tu sia.

Lo spettacolo Ŕ stato prodotto da Nutrimenti Terrestri e Castello di Sancho Panza

╚ andato in scena il penultimo spettacolo della V stagione di Atto Unico

Stampa
  Velieri di carta di diverse dimensioni dietro cui nascondersi e trincerarsi hanno caratterizzato Contrada Acquaviola n.1 di Simone Corso, penultimo appuntamento della V stagione di Atto Unico.
 Scene di Vita, Vite di Scena. Lo spettacolo mette in scena un incontro-scontro tra un padre, Antonio Alveario, e un figlio, lo stesso Simone Corso, legati da un amore profondo ma divisi da istanze opposte: le radici da una parte, la sopravvivenza dall’altra.
Il motivo di fondo è la difficoltà di vivere e sopravvivere in una città con una raffineria, ma all’interno di una famiglia spezzata. A firmare la regia è Roberto Bonaventura, che ha rinnovato la sua presenza tra gli artisti ospiti di Atto Unico, anche quest’anno. Le architetture di carta sono state realizzate da Nunzio Laganà, gli elementi scenici sono di Franco Currò, aiuto regia è Adriana Mangano, assistente alla regia è Andrea Messineo, le luci sono di Stefano Barbagallo.
Lo spettacolo è stato prodotto da Nutrimenti Terrestri e Castello di Sancho Panza.
Prossimo e ultimo appuntamento della rassegna prodotta da QA-QuasiAnonima Produzioni sarà Quarantena da un’idea di Auretta Sterrantino e Stefano Barbagallo, in scena domenica 27 maggio, con consueta doppia replica alle 18 e alle 21.
 L’opera sarà dedicata a un ipotetico incontro tra Caravaggio e Cervantes, la cui presenza a Messina è storicamente attestata seppur in tempi diversi. Quarantena è un omaggio ai luoghi e alla storia dell’uomo. Miguel De Cervantes e Caravaggio – interpretati dagli attori Michele Carvello e Marcello Manzella, diplomati all’ADDA, Accademia d’Arte del Dramma Antico della Fondazione INDA di Siracusa – s’incontreranno proprio nella Chiesa di Santa Maria Alemanna, conducendo gli spettatori a viaggiare in un tempo sempre attuale e inusuale al contempo, in una gabbia di stereotipi e timori “umana troppo umana”.
lunedý 14 maggio 2018


    Vai a pagina
    segui il meteo