il Cittadino di Messina - quotidiano e settimanale on-line: l'informazione gratuita ovunque tu sia.

Scritto dalla giornalista Cristina D’Arrigo, conversa con l’autrice e con il prof. Nazareno Saitta, la giornalista Patrizia Danzè

Mercoledì 18 libreria Ciofalo, presentazione del libro “Antonio Saitta. OSPE la scocca della cultura”

Stampa
Mercoledì 18 aprile 2018 alle ore 18:00 presso la Libreria Ciofalo (Via Consolato del Mare 35), a Messina, sarà presentato il libro “Antonio Saitta. OSPE: la scocca della cultura” scritto dalla giornalista Cristina D’Arrigo. Conversa con l’autrice e con il prof. Nazareno Saitta, la giornalista Patrizia Danzè. Il libro vuole ripercorrere attraverso documenti, foto e testimonianze inedite, le tappe di sviluppo della libreria OSPE che ha rappresentato tra gli anni '50 e gli anni '80 del secolo scorso il punto di ritrovo di grandi personalità del panorama culturale nazionale e internazionale.
Un uomo di piccola statura, con i capelli bianchi e lo spirito di un fanciullo: Antonio Saitta. Una libreria: l’OSPE, che in piazza Cairoli, radunò le più illustri figure del mondo della cultura del secolo scorso come Salvatore Pugliatti, Salvatore Quasimodo, Carlo Bo, Giacomo Debenedetti, Renato Guttuso e tanti altri. Una “scocca di amici” che diede vita a numerose iniziative culturali (Fondaco, Tavolozza d’oro, l’Accademia della Scocca). Il fascino di una sigla senza tempo, un'oasi di cultura e di scienza varia, un palmizio che in tanto deserto assicurava frescura, riposo, distensione, ma che era anche una fucina di idee, di programmi, di fantasia e di amicizia".
Sono questi i punti essenziali del libro che ricostruisce attraverso i ricordi del prof. Nazareno Saitta, figlio di Antonio Saitta, la memoria storico-culturale di Messina che conobbe tra gli anni ’50 e gli anni ’80 del secolo scorso, il periodo più roseo e fecondo che le sia stato dato di vivere negli ultimi tempi.
martedì 17 aprile 2018


    Vai a pagina
    segui il meteo
    dom 22
    28°-22°