il Cittadino di Messina - quotidiano e settimanale on-line: l'informazione gratuita ovunque tu sia.

Al Palacultura una straordinaria coproduzione musicale tutta messinese

A Morricone un omaggio da Oscar

Stampa
Un omaggio al premio Oscar romano autore di celebri composizione, un omaggio al grandissimo compositore Ennio Morricone. Nasce da questo intento, all’alba della sua novantesima primavera, lo spettacolo “hommage à Morricone et la Danse”, una coproduzione targata Filarmonica Laudamo, Orchestra Sinfonietta Messina e Compagnia MARVAN Dance Group. Tre splendide realtà cittadine che hanno unito le forze per regalare alla città una performance di altissimo livello, in scena quest’oggi al Palacultura. 
Un giovane danzatore interpreta il ruolo di Ennio Morricone e invita il pubblico a seguirlo, a ripercorrere insieme a lui le tappe più importanti della sua esistenza musicale. Dai suoi primi studi fino ad arrivare alle note dei suoi più grandi successi. Un percorso musicale che si snoda tra ritmi differenti ma tutti contraddistinti da una indubbia cifra stilistica. Dai brani della cosiddetta “trilogia del dollaro” e di “C’era una volta il West”, a quelli che hanno reso famose diverse pellicole cinematografiche degli anni 70. Ed è al cinema che Morricone ha regalato, senza dubbio, molto del suo grande talento. Al cinema d’impegno come testimoniano “Indagine su un Cittadino al di sopra di ogni sospetto” e “Sacco e Vanzetti”, a quello sentimentale e drammatico legato a brani come “C’era una volta in America” e “Nuovo cinema paradiso”, a quello di produzione americana segnato da “Gli Intoccabili”, e alle composizioni di genere televisivo come “I Promessi Sposi”
Una produzione sterminata quella di Morricone, di cui è stata operata per lo spettacolo, chiaramente, una scelta di brani, per genere e cronologia, che si è rivelata sapiente e opportuna. Si è scelto di celebrare il primo volto del compositore vale a dire quello legato al cinema, ma anche quello che potremmo definire il suo secondo volto, non meno conosciuto. Si tratta del Morricone che ha reso celebri, negli anni d’oro della RCA Italiana, grandi interpreti come Mina, Gino Paoli, con brani pop che sono entrati nella storia della musica italiana come “Se telefonando” e “Senza fine”
Un’accurata ed opportuna scena di brani, arrangiati dal Maestro Ezio Spinoccia per l’Orchestra Sinfonietta Messina, presente sul palco nella sua formazione più completa con ben oltre 25 elementi, accompagnati dai 28 coristi del Liceo Ginnasio Maurolico e dal soprano Martina La Malfa
A conferire quel quid in più all’intero spettacolo è stato, poi, senza dubbio, il corpo di ballo della Compagnia MARVAN Dance Group diretta da Mariangela Bonanno. Le coreografie ideate dalla stessa Bonanno, da Giorgia Di Giovanni e da Alice Rella hanno coinvolto il pubblico in un vortice di emozioni e sensazioni. Indubbia, infatti, la bravura dei ballerini del corpo di ballo, arricchito dalla presenza di Sebastiano Andrea Meli, già ballerino solista della Compagnia Nazionale di Raffaele Paganini. 
Le note di Morricone, le eccezionali e leggiadre movenze dei ballerini sono state le anime, il cuore pulsante di uno spettacolo di altissimo livello artistico. Uno spettacolo tutto made in Messina, la cui realizzazione è stata curata in ogni singolo dettaglio: dalla scelta dei costumi dei ballerini a quella delle luci e delle immagini e delle frasi proiettate sugli schermi posti in fondo al palcoscenico. Elementi scenici che hanno contribuito in diversi momenti come nel caso dell’esecuzione dell’"Addio Monti” dai Promessi Sposi e de “La leggenda del pianista sull’Oceano” ad accrescere il livello di coinvolgimento emotivo dello spettatore, ad intensificare l’eccezionale potere di “trasporto” proprio della musica. E così come per magia si sono seguite le movenze del giovane Morricone, si sono rivissute al suo fianco le tappe del suo eccezionale genio artistico, come se l’illusione scenica si fosse infranta, come se la realtà esterna non esistesse più, come se l’io di ciascuno si fosse annullato in quello del compositore. Un trasporto emotivo che solo la Musica e la Danza sono in grado di generare.


domenica 8 aprile 2018

Alessia Vanaria

    Vai a pagina
    segui il meteo
    dom 22
    28°-22°